[X] Chiudi
Aggiungi ai tuoi Bookmark
Aggiungi ai tuoi Feed
Your RSS Bloglines iGoogle Microsoft Live myMSN
Netvibes Newsgator Technorati myYahoo  
Travel 2.0
 
Io Luogo
Area del Tufo
L'Area del Tufo si trova...

Alba, la città del tartufo
Alba è un centro...
Io Tovo
AGRITURISMO SANTA VITTORIA: CACCIA E BUONA CUCINA: ACCOPPIATA VINCENTE

Ultima settimana di Agosto in Last Minute in Maremma
Io Evento
Io Bloggo
Io Richiedo
Io Video
Camping Villagge Esperidi - Marina di Bibbona - Toscana

MC25 - CASA ALBERTO
25 Set 2018 11:31
Vai alla Home Page
Come funziona io turista Log In Contattaci
   
io turista, la community di turisti!
 
 
 
Crea un account gratuito
su ioturista.com, non perdere tempo, fallo subito!
Crea un account gratuito
Offerte Speciali Blog di eventi Blog di Diari di Viaggio Richieste di vacanza Video Turistici Network Italia Promozione
Luoghi e
paesi
Offerte
Speciali
Blog di
Eventi
Blog di
Diari di viaggio
Richieste
di vacanza
Video
Turistici
Network
Italia Promozione
Italia Promozione Internet Incoming Gate
Io Evento
 
I Diari di Viaggio di BlogTurismo.it
Il relitto romano di Punta del Nasuto, raccontato dai protagonisti degli scavi, al Panathlon di Volterra - 19/11/2009
Pubblicato il 26/11/2009 12:19:42
Autore: Elena Capone
E-mail: elena.capone@tiscali.it
Ingrandisci in finestra separata Ospiti del Club volterrano Pamela Gambogi, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e direttrice delle campagne di scavo sul raro relitto romano, e Massimo Giudicelli, responsabile del team tecnico

Una serata a diretto contatto con i professionisti dell’archeologia, giovedì 19 novembre 2009, nella sede del ristorante Don Beta a Volterra, organizzata dal Club Panathlon, con ospiti d’eccezione la Dott.ssa Pamela Gambogi, Archeologo Direttore Coordinatore Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, e Massimo Giudicelli, responsabile tecnico del team delle campagne di scavo compiute sul  relitto romano di Punta del Nasuto a Marciana Marina dell’Isola d’Elba.

L’appuntamento periodico del Club presieduto dall’Avv. Flavio Nuti, che unisce il momento conviviale a quello associativo ed alle conferenze ed agli incontri di approfondimento legate alla cultura ed agli sport internazionali, nei loro aspetti indissociabili, si è sviluppato sul racconto documentale ed esperienziale, incalzante e privo di retorica, che ha calato nel fascino del mare e nei suoi pericoli e regole, quando le ricerche archeologiche si “giocano” sui fondali marini, nella descrizione dei protagonisti degli scavi subacquei, in specifico, sul relitto romano dei dolia, gli enormi contenitori a forma globulare o troncoconica, adibiti al trasporto di generi alimentari e vino, conservati dalle acque profonde per duemila anni, ancora con coperchi e quasi tutti integri.

Oltre i 50 metri di profondità, quella profondità “non raggiungibile dai ladri”, è adagiato, a 65 metri, il relitto di Punta del Nasuto, in loc. Marciana Marina dell’Isola d’Elba, che conteneva i “dolia”, impiegati per il trasporto di vino dall’Italia centrale verso la Gallia, esordisce Pamela Gambogi, quei “doli posti quasi sicuramente sulla nave nel momento in cui la si costruiva” secondo il sistema a chiglia. Data la profondità, si tratta di relitti “abbastanza rari”, raggiungibili con modalità e tecnologie sofisticate, che scoraggia gli atti stessi di depredazione, per cui ancora conservano resti preziosi per il patrimonio archeologico, anche se le navi, una volta sedimentate sul fondo, iniziano la loro distruzione.

“In questo tipo di spedizione”, prosegue la Dottoressa Gambogi, “è molto importante che la barca sia ancorata”, e seguono nell’interessante intervento, gli appunti di archeologia, la distinzione tra le navi medievali i cui depositi di ceramica lasciano poca traccia di sé, e quelle romane, nella considerazione dell’incredibile risorsa rappresentata dal mare della Toscana, “frequentatissimo” già dall’antichità, nel delinearsi di un ritratto del mare però anche quale “conservatore gelosissimo di ciò che accoglie dentro di sé”.

Da qui l’intervento di Massimo Giudicelli, collaboratore della Dottoressa e capo del “Gruppo dei profondisti” della missione di scavo, che inizia la relazione più specificatamente tecnica, nella precisazione introduttiva per cui la competenza del suo gruppo è quella di “prevedere, per quanto riguarda la sicurezza, quasi tutto”. Ed i precipitati per la ricerca in questo campo derivano proprio e principalmente dalle tecniche sportive di immersione: da qui la descrizione delle distinzioni del comportamento, ad alta profondità, dei gas di elio, ossigeno ed azoto, di come l’azoto oltre un certo limite “non fa ragionare bene”, e l’ossigeno che diviene addirittura tossico, per cui la necessità dell’impiego dell’elio che “non influisce sul sistema nervoso”. Ed anche il rispetto fondamentale delle tabelle specifiche, la barca ancorata, con lunga preparazione, su cinque punti, poiché “la barca è la vita” precisa Pamela Gambogi, restituendo un quadro più completo della missione archeologica che obbliga alla sinergia delle scienze, ed alla responsabilizzazione e conoscenza della natura e delle sue regole.

Gli interventi dei relatori sono stati accompagnati dalla proiezione del video documentativo dello scavo “subacqueo”, nella concl
:: Lascia un commento ::
 
Lascia un commento
* dati necessari per lasciare un commento
Nome e cognome *
E-mail *
Inserisci il
Commento *
 
EMOTICON
	Type: Arrabiato
	Keypress: ]( EMOTICON
	Type: Arrabiato
	Keypress: :(( EMOTICON
	Type: Arrabiato
	Keypress: :@ EMOTICON
	Type: Assonnato
	Keypress: -.- EMOTICON
	Type: Assonnato
	Keypress: -_- EMOTICON
	Type: Confuso
	Keypress: 8| EMOTICON
	Type: Confuso
	Keypress: :|
EMOTICON
	Type: Confuso
	Keypress: :? EMOTICON
	Type: Confuso
	Keypress: :/ EMOTICON
	Type: Sorpreso
	Keypress: :o EMOTICON
	Type: Sorpreso
	Keypress: o_o EMOTICON
	Type: Sorpreso
	Keypress: :U EMOTICON
	Type: Sorridente
	Keypress: :D EMOTICON
	Type: Sorridente
	Keypress: :}
EMOTICON
	Type: Sorridente
	Keypress: :D EMOTICON
	Type: Sorridente
	Keypress: :) EMOTICON
	Type: Triste
	Keypress: /( EMOTICON
	Type: Triste
	Keypress: :'( EMOTICON
	Type: Triste
	Keypress: :( EMOTICON
	Type: Triste
	Keypress: /(  
Inserisci il codice che vedi qui a destra *
Non riesci a leggere il codice a sinistra?
Visualizza nuovo codice
RICERCA

RICERCHE VELOCI
Tutti i Diari di viaggio
DIARI in
TOSCANA (50)
UMBRIA (1)
ABRUZZO (0)
CAMPANIA (0)
EMILIA ROMAGNA (0)
FRIULI VENEZIA GIULIA (0)
LAZIO (0)
LIGURIA (0)
LOMBARDIA (0)
MARCHE (0)
PIEMONTE (2)
SARDEGNA (0)
SICILIA (0)
TRENTINO ALTO ADIGE (1)
VAL D'AOSTA (0)
VENETO (0)
 
Italia Promozione Internet Incoming Gate
Italia Promozione Internet Incoming Gate
 
Travel 2.0Viaspettiamo.itItaly Charming ResortIo TuristaVacanze in agriturismo in italia
» Condizioni di Sicurezza e Privacy
io turista
Via del Polo Tecnologico 4
57023 Cecina (LI)

CONTATTI:
Tel.: 0586.635756
Fax: 0586.635711
E-mail: info@ioturista.com
RAGIONE SOCIALE:
Uplink Web Agency S.r.l.
Via del Polo Tecnologico 4
57023 Cecina (LI)
Partita IVA 01350780498
Capitale sociale 65.000,00 Euro i.v.